giovedì 1 ottobre 2015

Settembre 2015

...

Settembre 2014

...

Agosto 2014

...

martedì 23 settembre 2014

28/07/14 - Filadelfia, ore decisive per la consegna del progetto preliminare

Se i tempi saranno rispettati, la Fondazione lo riceverà entro domani. Mercoledì ultimo CdA prima della pausa estiva


A due giorni dall'ultimo CdA prima della pausa estiva, previsto per il prossimo 30 luglio, la Fondazione Filadelfia è in attesa di ricevere dal Torino, tramite la Fondazione Mamma Cairo, il progetto preliminare del nuovo stadio. La consegna, inizialmente prevista per la fine dello scorso mese di giugno, dovrebbe avvenire tra oggi e domani, in modo da consentire al Consiglio di Amministrazione che si riunirà mercoledì di prendere atto della ricezione del suddetto progetto.
Un passaggio importante, dato che con il preliminare in mano (sarà il presidente Cairo, che aveva in precedenza acquistato lo studio di fattibilità dallo studio pinerolese ABCC, a donarlo alla Fondazione Filadelfia) il CdA potrà dare mandato alla SCR - stazione appaltante che si occuperà di tutte le fasi, fino al collaudo del Fila - di proseguire con l'iter, partendo dalla scrittura del bando, cosa che avverrà nel mese di settembre. 

http://www.toro.it/press/view/10113


_________


Filadelfia, oggi la consegna del progetto preliminare da parte del Torino
 
Lunedì, 28 Luglio 2014
 
Il 30 luglio ultimo CdA: è stato Urbano Cairo ad accollarsi il costo del progetto, a settembre il bando da parte della società di committenza Mancano ormai soltanto due giorni all'ultimo Consiglio di Amministrazione della Fondazione Filadelfia, prima delle vacanze estive, in programma per mercoledì 30 luglio. Entro quella data, ma presumibilmente già entro oggi, il Torino FC dovrà occuparsi di consegnare al CdA il progetto preliminare del nuovo impianto, di cui si è fatto carico economicamente tramite la “Fondazione Mamma Cairo”. A quel punto, finalmente, la società di committenza che si occuperà dell'affidamento dei lavori, la SCR (società partecipata dalla Regione Piemonte) potrà finalmente procedere con l'iter burocratico, fino alla stesura del bando, prevista per il mese di settembre. Un altro piccolo passo verso la ricostruzione, che i tifosi granata aspettano ormai da tanto, troppo, tempo...
 
http://www.toronews.net/index.php/mondogranata/41904/filadelfia-oggi-la-consegna-del-progetto-preliminare-da-parte-del-torino
__________

Filadelfia: il progetto sarà consegnato il 30 luglio

Lunedì, 28 Luglio 2014

Verso la ricostruzione / Terminata la riunione, il progetto preliminare sarà consegnato ed esposto durante la prossima ed ultima riunione, prima delle vacanze estive

La riunione a 'Casa Filadelfia' è terminata. Il progetto preliminare non è stato ancora consegnato e ciò avverrà durante l'ultimo incontro prima delle vacanze estive (durante il CdF della Fondazione).
Lo stesso progetto sarà poi resto pubblico ai Toro Club durante gli incontri in programma, a partire dal 3 settembre. Piccoli passi avanti, in attesa (sempre più lunga) che possa essere realmente avviato l'iter che condurrà alla posa della fatidica prima pietra.

http://www.toronews.net/index.php/mondogranata/41915/filadelfia-il-progetto-sara-consegnato-il-30-luglio
__________
__________

29/07/14 - Filadelfia, c’è l’ok al progetto. E ora via all’iter per il bando
 
Domani il cda della fondazione
Tuttosport
 Domani pomeriggio il CdA della Fondazione Filadelfia si riunirà e avrà sulla scrivania il progetto preliminare: in queste ore infatti, dopo averlo ricevuto ieri dagli architetti, la Fondazione Mamma Cairo consegnerà alla Fondazione il progetto, passaggio formale fondamentale per portare avanti l’iter burocratico. A questo punto il CdA di domani, nel rispetto delle tempistiche annunciate, avrà il compito di consegnare tutte le carte entro la fine della settimana alla Società di Committenza Regionale (Scr) che avrà a sua volta la missione di indire il bando di gara e quindi di dare seguito operativo a quanto finora portato avanti dalla Fondazione. Insomma, si comincia a intravedere la luce alla fine di un tunnel cominciato nell’ormai lontano 1997, quando il Filadelfia è stato demolito: per il momento le tempistiche annunciate e promesse nei mesi scorsi sono rispettate.
 
 
L’estate calda
La situazione sul progetto preliminare si è di fatto sbloccata e tutto questo porta alla possibilità di dare un’accelerazione decisa in un periodo dell’anno durante il quale, solitamente, la burocrazia italiana sonnecchia o quasi. E invece già ad agosto Scr può avere l’occasione per stringere ancora di più i tempi. Peraltro la società incaricata non è rimasta certamente con le mani in mano nelle ultime settimane, lavorando già intesamente per mettersi nelle condizioni di avere a settembre importanti novità. Non sarà nemmeno necessario convocare un nuovo Collegio dei Fondatori, siccome il progetto preliminare che verrà consegnato a Scr era già stato votato e approvato a marzo.
__________
 
29/07/14 - Filadelfia, consegnato il progetto preliminare

La Fondazione Mamma Cairo lo regalerà alla Fondazione Filadelfia. Ora tocca a SCR


Era atteso per la giornata di ieri e la consegna è stata rispettata. Il progetto preliminare dello Stadio Filadelfia è arrivato alla Fondazione Mamma Cairo: gli architetti dello studio ABCC di Pinerolo hanno ultimato le modifiche necessarie rispettando i tempi previsti.
La Fondazione Mamma Cairo procederà nelle prossime ore a consegnare a sua volta il progetto alla Fondazione Filadelfia: questa si riunirà domani e potrà così prendere atto della suddetta consegna e dare finalmente mandato a SCR di procedere con l'iter. La stazione appaltante si occupera di tutta la fase progettuale, a partire dalla scrittura del bando e fino al collaudo dell'opera. Se tutto andrà come previsto i lavori cominceranno nei primi mesi del 2015. 

http://www.toro.it/press/view/10128
__________

29/07/14 - Il Fila prende forma - ecco cos'è cambiato nel nuovo progetto

 
__________
__________


30/07/14 - Filadelfia: la Fondazione ratifica la ricezione del progetto
 
Nella prima settimana di settembre verrà presentato al Collegio dei Fondatori
Pochi minuti fa si è concluso l'ultimo Cda della Fondazione prima della pausa estiva. La Fondazione ha ratificato la ricezione del progetto da parte della "Fondazione Mamma Cairo" e, ad inizio settembre, verrà presentato al Collegio dei Fondatori. Ora, SCR dovrà indire il bando di gara. 
 

giovedì 11 settembre 2014

11/05/14


 
 

lunedì 8 settembre 2014

15/07/14 - Avanti tutta per il nuovo Filadelfia

Progetto, bando e tour tra i club
Tempi rispettati
I membri del Cda della Fondazione si sono riuniti e hanno verificato la situazione: tutto sta procedendo senza intoppi
 stefano lanzo
 torino

 Mentre Ventura e i suoi ragazzi lavorano intensamente tra le montagne della Valtellina, le figure cardine per la ricostruzione del Filadelfia non restano a guardare. E dal tavolo operativo di ieri tra i vari membri del CdA della Fondazione arrivano notizie incoraggianti, soprattutto per le tempistiche.
 Perché la marcia per il nuovo Filadelfia prosegue nel rispetto di quelli che sono i tempi previsti, dal momento che è annunciata per lunedì 28 luglio la consegna da parte del Torino Fc del progetto preliminare direttamente alla Fondazione. Questo è un passaggio fondamentale che permetterà al CdA di snellire il processo burocratico e di stringere per mettere Scr (Società di committenza regionale) nella condizione di indire il bando di concorso per il progetto definitivo il prima possibile. Magari già a settembre: l’obiettivo è raggiungibile, se tutti i pezzi del mosaico si incastreranno al momento giusto.
  Proprio per il 28 luglio, infatti, è attesa una nuova riunione operativa tra i vari membri del CdA: se, come annunciato, il Torino Fc consegnerà il progetto preliminare, ecco allora che verrà immediatamente fissato un Collegio dei Fondatori determinante per passare alla fase successiva. Quella cioè della consegna a Scr del progetto per indire il bando di concorso e avviare la seconda tappa dell’iter burocratico. E proprio per fare in modo che le tempistiche vengano rispettate, l’idea del CdA è quella di indire il Collegio dei Fondatori per il 30 luglio, così da consegnare a Scr il progetto nei primi giorni di agosto. A quel punto la società di competenza avrà almeno un mese per partire con il bando: a settembre dunque si potrebbe avere una svolta decisa e decisiva per la ricostruzione del Filadelfia.
  E poi a settembre il CdA comincerà un’altra partita, su un altro tavolo. Partiranno infatti dal 3 settembre gli incontri con i vari Toro Club: un’iniziativa ideata per sensibilizzare chi ha a cuore le sorti del Filadelfia e per coinvolgere il maggior numero di persone nel progetto.

02/07/14 - Oggi Fassino incontra la Fondazione Filadelfia

In mattinata, in Comune, il sindaco riceverà una delegazione e sarà messo al corrente degli ultimi sviluppi

Sarà il primo incontro ufficiale dal 4 maggio. Dal giorno in cui, al Filadelfia, il sindaco Piero Fassino rispose ad un piccolo gruppetto di tifosi granata che lo contestavano mostrando il dito medio. Proprio dopo quell'episodio, la Fondazione Filadelfia aveva concordato tale incontro, in programma questa mattina presso il Comune di Torino.
Il sindaco riceverà una delegazione della Fondazione (il presidente, Cesare Salvadori, il segretario Giuseppe Ferrari e il presidente del Collegio dei Fondatori, Gian Carlo Bonetto) e sarà messo al corrente su tutto quello che riguarda il Filadelfia, dai lavori sullo studio di fattibilità (che diventato progetto preliminare sarà consegnato nella mani di Fondazione e di SCR, per consentire di poter partire con la fase progettuale) alle tempistiche, agli eventuali problemi ai quali fare fronte. 
Progetto preliminare che, se i tempi saranno rispettati, sarà consegnato entro la fine del mese di luglio. 

Scrivi a Redazione

http://www.toro.it/press/view/9673
__________

Fondazione Filadelfia, un nuovo modo per incontrare i tifosiImportante iniziativa promossa dal presidente, Salvadori, e dai consiglieri della Fondazione

Una bella e importante iniziativa, quella promossa dal presidente della Fondazione Filadelfia, Cesare Salvadori, e da tutti i consiglieri. Infatti, per far conoscere meglio ai tifosi la programmazione dei lavori di ricostruzione dello stadio degli Invincibili, si avrà la possibilità di incontrare gli addetti ai lavori e di richiedere tutte le informazioni che si vorranno. Questo il testo del comunicato ufficiale della Fondazione Filadelfia: 
 
La Fondazione Stadio Filadelfia, nell’intento di far conoscere nel dettaglio il programma dei lavori di ricostruzione che giustamente stanno tanto a cuore dei tifosi granata, si rende disponibile, attraverso il presidente Cesare Salvadori ed i consiglieri della Fondazione, a partecipare ad incontri di più club o associazioni legate al mondo del Toro, in modo da poter chiarire e rispondere ad eventuali richieste di precisazione.
Per la realizzazione di detti incontri – che per ovvie ragioni devono raggruppare più club o associazioni in modo da garantire la maggior audience possibile ed in questa prima fase sono riservati a località comprese tra Piemonte, Liguria e Lombardia – programmabili di mercoledì a partire dal mese di settembre, si pregano club e associazioni interessate a mettersi in contatto con la segreteria della Fondazione (telefono: 011-2630725 oppure mail: segreteria@filadelfia.it), in modo  da fissare un calendario in base alle richieste ricevute.

http://www.toro.it/press/view/9688
__________

Filadelfia: terminato l'incontro tra Fassino e la Fondazione

Verso la ricostruzione / Riunione informale tra il sindaco di Torino ed i rappresentanti della Fondazione
 
Come vi avevamo anticipato il 17 giugno ( qui i dettagli ) oggi si è svolto un primo incontro tra il sindaco Fassino ed i rappresentanti della Fondazione nata per guidare la ricostruzione dello stadio del Grande Torino. L'incontro non era operativo, ma informale. La Fondazione ha portato il sindaco a conoscenza dell'ultima riunione della stessa Fondazione. Le prossime date rese note dalla Fondazione per riunioni di carattere più marcatamente operativo sono il 17 ed il 30 di luglio. La strada di una collaborazione tra le due parti è stata intrapresa, speriamo che i risultati concreti giungano in tempi ragionevoli.

http://www.toronews.net/index.php/toro/41457/filadelfia-incontro-tra-fassino-e-la-fondazione
__________

Filadelfia: a breve partirà il bando pubblico per i lavori

Verso la ricostruzione / A giorni disponibile il progetto preliminare. Fassino: "Andiamo avanti con convinzione"

È terminato da pochi minuti l'incontro tra il sindaco Fassino e gli esponenti della Fondazione Filadelfia, un incontro cui vi aveva accennato qualcosa circa un mese fa (qui i dettagli). Presenti infatti al colloquio anche Salvadori, Bonetto e Ferrari, oltre all'Assessore Gallo.
Durante l'incontro è stato fatto il punto sull'operato della Fondazione in questi primi mesi di vita ed è stato ribadito un concetto molto importante: a breve la Fondazione stessa riceverà il progetto preliminare, grazie al quale potrà far partire il bando per l'assegnazione della progettazione definitiva e costruzione del Tempio degli Eroi. Le date sostanzialmente non cambiano: inizio scavi nel 2015 e conclusione dei lavori entro il 2016. Fiducioso anche il sindaco di Torino, Piero Fassino, il quale, deciso, ha commentato: ''Andiamo avanti con convinzione''.

http://www.toronews.net/index.php/mondogranata/41458/filadelfia-a-breve-partira-il-bando-pubblico-per-i-lavori

16/06/14 - Fila, oggi torna a riunirsi il CdA

All'ordine del giorno la colonia felina e alcune modifiche allo statuto della Fondazione

di Andrea Piva - Oggi, a distanza di circa due mesi dall'ultimo incontro e dopo aver siglato l'accordo con SCR come stazione appaltante, il CdA della Fondazione Filadelfia tornerà a riunirsi.
In attesa di ricevere dal presidente del Torino Cairo il progetto preliminare dell'impianto (che dovrebbe essere consegnato entro la fine di questo mese e che permetterà la pubblicazione del bando per i lavori di ricostruzione), all'ordine del giorno ci sarà la questione della colonia felina che attualmente abita all'interno di quello che fu lo stadio del Grande Torino, oltre che la discussione di alcune modifiche dello statuto riguardanti la regolamentazione dell'accesso alla Fondazione di enti pubblici o privati come partecipanti o sostenitori. 

http://www.toro.it/press/view/9448
__________

Fila, approvate le modifiche statutarie, il 2 luglio l'incontro con Fassino
Qualche settimana di ritardo rispetto al previsto: consegna slitta a fine luglio
Si è concluso il CdA della Fondazione Filadelfia, in cui sono stati discussi alcuni punti legati a delle modifiche statutarie e alla colonia felina che, come noto, abita all'interno dello stadio. Sono state approvate alcune modifiche sulla categoria dei partecipanti e sostenitori del progetto da parte degli Enti pubblici o privati, intenzionati a investire sulla ricostruzione del Tempio granata. Modifiche statutarie che porteranno, una volta che il Collegio dei Fondatori ratificherà quanto deliberato, allo "sblocco" dei 330.000 euro provenienti dalle casse della Fondazione Mamma Cairo.
Tuttavia, potrebbe subire circa un mese di ritardo l'inizio dell'apertura dei cantieri, fissato comunque per i primi mesi del 2015. Si attende la consegna del progetto preliminare che Cairo donerà alla Fondazione quando saranno ultimate le modifiche allo studio di fattibilità da parte degli Architetti della ABCC di Pinerolo.
Ci sarà inoltre un incontro, non ancora calendarizzato, tra la Fondazione e il nuovo presidente della Regione, Sergio Chiamparino, mentre è già stato fissato quello con il Sindaco, ed avverà il prossimo 2 luglio.
 
Scrivi a Valentino Della Casa
 
http://www.toro.it/press/view/9460
__________
 
Filadelfia: incontro con Chiamparino entro fine giugno
 
Verso la ricostruzione / Previsto un colloquio per conoscenza con il nuovo presidente della regione Piemonte
Ieri c'è stato il CdA della Fondazione Filadelfia, durante il quale sono state discusse alcune modifiche statutarie e presentati i relativi progetti legati alla comunità felina. Per quest'ultimo punto, è stato destinato il budget per costruire un 'gattile' al più presto, in modo tale da permettere la costruzione dei lavori e non avere alcun intralcio. 
Non solo questo, infatti, i vertici della Fondazione (Bonetto e Salvadori) presto incontreranno il neo presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino. Un incontro conoscitivo, nel quale il progetto 'Fila' sarà portato avanti, verso la ricostruzione.
http://www.toronews.net/index.php/toro/41247/filadelfia-incontro-con-chiamparino-entro-fine-giugno
__________

Filadelfia: il 2 luglio, Fondazione a colloquio con Fassino
Martedì, 17 Giugno 2014 14:07
Verso la ricostruzione / Fissata la data dell'incontro con il Sindaco, per analizzare lo stato dei lavori

Non solo un incontro previsto entro fine giugno (la data esatta non c'è ancora), ma anche un colloquio già fissato per la Fondazione Filadelfia: mercoledì 2 luglio i vertici incontreranno il Sindaco Piero Fassino.
Sarò un incontro nel quale verrà analizzato attentamente lo stato dei lavori, in modo tale da capire quali potrebbero essere le nuove, ed effettive, date in cui verrà davvero piazzato il primo mattone.
Quella della ricostruzione del Filadelfia è una questione che sta tanto a cuore ai tifosi del Toro e non solo, anche e soprattutto per questo ci si attende un riscontro importante da tale colloquio.

http://www.toronews.net/index.php/toro/41248/filadelfia-il-2-luglio-fondazione-a-colloquio-con-fassino




06/05/14 - Fassino: «Rammaricato per il gesto»

LE SCUSE DEL SINDACO PER IL GESTACCIO AL FILADELFIA
TORINO.
 
«Un ristretto gruppo di ultras ha ritenuto di aggredirmi e insultare me e la mia famiglia, persino con lancio di pietre, cosa che ha provocato una mia istintiva e umana reazione, di cui mi rammarico» così il sindaco di Torino, Piero Fassino, chiede scusa per il “gestaccio”, un dito medio alzato, di domenica al Filadelfia. «Comportamenti intimidatori non sono tollerabili. Quelle violente intemperanze non corrispondono ai sentimenti dei tanti tifosi che manifestano la fede granata con passione e generosità e verso i quali ho sempre avuto e ho il massimo rispetto». Anche il presidente della Fondazione Filadelfia, Cesare Salvadori, ha espresso “dolore” e “rincrescimento” per le contestazioni. «È doloroso registrare che l’appassionata partecipazione della cittadinanza alla giornata del 4 maggio sia stata incrinata da una ristretta minoranza che ha impedito al sindaco di esprimere il sostegno della Città al progetto di ricostruzione del Filadelfia».
______
 
Perchè Fassino è indifendibile e il Fila intoccabile
 
Il gesto del dito medio alzato di Fassino ha fatto il giro delle tv, finendo a fianco dei fatti osceni dell'Olimpico di Roma in occasione della finale di Tim Cup. Questo è quello che ci lascia maggiormente l'amaro in bocca, perchè a Torino nessuno si è fatto male, considerando il gesto morale poco edificante. Molta gente sta difendendo il sindaco, come vittima di un agguato premeditato da una parte della tifoseria granata con i suoi insulti. Comunque sia bisogna ringraziare la maggioranza dei supporter presenti al Filadelfia, perchè se quel gesto l'avessero compiuto a Roma, tanto per fare un esempio, sarebbe degenerato in atti ben più gravi. Tuttavia per me Fassino rimane indifendibile, non tanto per il gesto in sè, brutto, becero, di cattivo esempio per tutti, ma perchè, subito dopo, invece di chiedere scusa, ha smentito un fatto che invece non solo è stato notato dai presenti, ma ripreso dai filmati.
Fassino comunque è irremovibile sulla sua tesi, come ha detto a Repubblica: "Io non chiedo scusa a chi mi ha insultato. È stata data, una ricostruzione sbagliata di quello che è successo. Perché dovrei chiedere scusa a chi mi ha insultato e aggredito, in modo pesante, a chi ha offeso la mia famiglia? Non ripeto quello che mi è stato detto per carità di patria. Mi hanno lanciato addosso ghiaia e lattine di birra. Cosa che ha provocato in me una reazione istintiva e umana, di cui naturalmente mi rammarico, ma che considerato il contesto mi sembra comprensibile. Chiedere scusa a quelle persone no".
Stiamo vivendo un'epoca in cui la gente non sopporta più i politici e loro che fanno? Continuano a buttare benzina sul fuoco del malcostume. Fassino rappresenta un'istituzione, primo cittadino di Torino e presidente dell'Anci, mentendo ha reso più debole la sua categoria. La gente ha visto solo il dito alzato, i media generalisti, tipo Porta a Porta, hanno evidenziato il gesto (con Vespa che ha fatto intendere che può succedere... mai andare contro il potere adesso che è in mano al Pd), ma il fatto grave è avvenuto dopo, con la menzogna. Ora, poniamo che qualcuno incontri il sindaco e gli alzi  tranquillamente il dito, nessuno a questo punto può dirgli nulla, perchè l'ha fatto il primo cittadino... autore di un pessimo gesto. Questi sono i fatti su cui ragionare e la responsabilità che hanno coloro che rappresentano le istituzioni e non solo, ma anche chi li ha votati. Non dimentichiamoci che Fassino in estate, bypassando addirittura le regole, aveva nominato come presidente della Fondazione Filadelfia un pluri inquisito e condannato ai tempi di Tangentopoli, tale Giuseppe Zunino, che poi non accettò l'incarico a seguito della bufera che innescò quella scelta. Chi sostenne quel nome lo fece per paura che le procedure per la ricostruzione del Filadelfia rallentassero. Così fu, ma per fortuna chi ha sostituito Zunino, Cesare Salvadori, si sta comportando molto bene.
La regola della ricostruzione del Fila non deve calpestare la moralità di tutta la storia granata, ricordare il Grande Torino è soprattutto indice di rispetto. Non serve andare a Superga ogni anno al 4 maggio e lasciarci una lacrima, è più utile lavorare sui valori, umani e sportivi di quella squadra. Non per essere mistica, ma bisogna prendere esempio da Gesù quando scacciò i mercanti dal tempio, così deve essere per il Filadelfia. Ne stiano fuori i cosiddetti approfittatori, che si presentano in campagna elettorale o che vedono il Fila come una possibile fonte di lucro. I soldi servono per ricostruire e poi gestire, non per arricchire qualcuno.

http://www.torinogranata.it/editoriale/percha-fassino-a-indifendibile-e-il-fila-intoccabile-45750
__________

06/05/14 - FASSINOCCHIO 
- Buongiorno di Massimo Gramellini
 
Pare abbia suscitato un certo scandalo la decisione del sindaco Fassino di mostrare il dito medio a un gruppo di tifosi del Toro che lo stavano insultando. Pare anche che il dito medio ricordasse la silhouette ossuta del suo titolare, tanto che a qualcuno dei presenti è sembrato che l’ex segretario dei Ds stesse sollevando verso il cielo una copia in scala di se stesso. Forse solo un monaco zen avrebbe diritto di fargli la morale: sfido chiunque a rimanere impassibile mentre ti insultano il parentado stretto. Persino se ti trovi in un luogo sacro, quale in effetti è il terreno su cui sorgeva e risorgerà (anche grazie a Fassino) lo stadio del Grande Torino. Senza contare che a sinistra il gestaccio non è considerato un insulto, a meno che lo facciano Bossi e Santanché. Il problema di Fassino non è dunque il dito. E’ il naso. Della stessa foggia di quello di Pinocchio.  
Quando la notizia ha cominciato a circolare, il sindaco ha mandato una smentita. Avrebbe dovuto sapere che nell’era dei telefonini le bugie hanno le gambe opposte alle sue, cioè cortissime. In Rete giravano già foto compromettenti del dito in libera uscita e ai Cinquestelle non è parso vero di poter postare un video che immortalava la scena. Nei Paesi di cultura protestante, tanto sarebbe bastato per costringere il primo cittadino di Torino a dare le dimissioni: lì sono ancora arretrati e un politico scoperto a mentire su qualcosa viene ritenuto capace di mentire anche su tutte le altre. Ma per fortuna in Italia la bugia è una forma di legittima difesa, un titolo di merito, e a colpi di menzogne ben assestate si può arrivare ovunque, un domani persino al Quirinale.

http://www.lastampa.it/2014/05/06/cultura/opinioni/buongiorno/fassinocchio-5NpCoHFrjY2EMg4l7ABUnI/pagina.html
______

 
 
FASSINO CONTABALLE! FA IL DITO AL POPOLO E SI RIFUTA DI CHIEDERE SCUSA! ADESSO SI INVENTA UNA NUOVA PALLA PER PROVARE A FARE LA VITTIMA, MA E’ SMENTITO DA QUESTO VIDEO
 
Posted on maggio 6, 2014 
 
IL SIGNOR FASSINO AD UN GESTO IGNOBILE, HA RISPOSTO PRIMA NEGANDO POI, SMASCHERATO DAL VIDEO DI VITTORIO BERTOLA, CONSIGLIERE COMUNALE CINQUESTELLE, HA RILANCIATO CON UN’ALTRA BALLA.
CHIUNQUE SA CHE IL CAMPO FILADELFIA E’ UN PRATO, DOVE POCHI MINUTI PRIMA AVEVANO ADDIRITTURA GIOCATO I BIMBI, E NEI PRATI NON CI SONO SASSI. D’ALTRONDE BASTA GUARDARE IL VIDEO. SE AVESSERO TIRATO DEI SASSI, SI VEDREBBE…



GRAMELLINI MASSACRA FASSINO! SAI CHE I CONTABALLE COME TE ALL’ESTERO DURANO POCO? SOLO IN ITALIA RISCHIANO DI DIVENTARE PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA
Posted on maggio 7, 2014 
Pare abbia suscitato un certo scandalo la decisione del sindaco Fassino di mostrare il dito medio a un gruppo di tifosi del Toro che lo stavano insultando. Pare anche che il dito medio ricordasse la silhouette ossuta del suo titolare, tanto che a qualcuno dei presenti è sembrato che l’ex segretario dei Ds stesse sollevando verso il cielo una copia in scala di se stesso. Forse solo un monaco zen avrebbe diritto di fargli la morale: sfido chiunque a rimanere impassibile mentre ti insultano il parentado stretto. Persino se ti trovi in un luogo sacro, quale in effetti è il terreno su cui sorgeva e risorgerà (anche grazie a Fassino) lo stadio del Grande Torino. Senza contare che a sinistra il gestaccio non è considerato un insulto, a meno che lo facciano Bossi e Santanché. Il problema di Fassino non è dunque il dito. E’ il naso. Della stessa foggia di quello di Pinocchio.
Quando la notizia ha cominciato a circolare, il sindaco ha mandato una smentita. Avrebbe dovuto sapere che nell’era dei telefonini le bugie hanno le gambe opposte alle sue, cioè cortissime. In Rete giravano già foto compromettenti del dito in libera uscita e ai Cinquestelle non è parso vero di poter postare un video che immortalava la scena. Nei Paesi di cultura protestante, tanto sarebbe bastato per costringere il primo cittadino di Torino a dare le dimissioni: lì sono ancora arretrati e un politico scoperto a mentire su qualcosa viene ritenuto capace di mentire anche su tutte le altre. Ma per fortuna in Italia la bugia è una forma di legittima difesa, un titolo di merito, e a colpi di menzogne ben assestate si può arrivare ovunque, un domani persino al Quirinale.

http://bastacasta.altervista.org/p13738/

__________

13/05/14 - ... Altre scuse di Fassino
- Tuttosport
..............
IL SINDACO «Se qualche tifoso granata si è sentito offeso dalla mia reazione alle aggressioni che ho subìto mi spiace e me ne rammarico sinceramente»: così il sindaco di Torino, Piero Fassino, ieri è tornato in Consiglio Comunale sull’episodio del suo “gestaccio” rivolto il 4 maggio allo stadio Filadelfia ad alcuni contestatori durante la commemorazione della tragedia di Superga. «Nella circostanza - ha precisato il sindaco - si è persa di vista la luna e si è guardato al dito, non al fatto che mi fossi ribellato a una prevaricazione, messa in atto da un ristretto gruppo di certo non rappresentativo della tifoseria granata. Per il Toro, la sua storia e i suoi sostenitori ho il massimo rispetto, come testimonia l’impegno di questa amministrazione per la ricostruzione del Filadelfia». Erano state le opposizioni a chiedere che Fassino si presentasse in consiglio per riferire del gesto incriminato (e in un primo tempo negato). Molti consiglieri dell’opposizione hanno esposto burattini di Pinocchio. Poi hanno chiesto le dimissioni di Fassino.
A.G.

lunedì 18 agosto 2014

05/05/14 - «Che spettacolo!»

 
Ferrante e la fantastica giornata al Filadelfia con 10 mila tifosi
 
Nicola Balice
TORINO. Finalmente tutti insieme. Grandi e bambini, tifosi e società. Erano anni che un 4 maggio così non si riusciva a vivere, con la bellezza e la gioia di una giornata di sole da godere tutti insieme. Il Filadelfia di oggi nel ricordo di com’era, in attesa di vedere come sarà. Un mare granata ha portato ieri oltre diecimila tifosi a respirare l’aria del Fila nel corso di tutta una giornata trascorsa all’insegna del Toro e niente più, inteso non solo sotto l’aspetto del calcio con tutta quella sana curiosità che ha avvicinato tifosi di ogni età alla scoperta del Fila che verrà.
TUTTI INSIEME «Che spettacolo, c’è un mare di gente. Come si fa a non provare un’emozione fantastica?», racconta Marco Ferrante prima di scendere in campo nella sfida tra Vecchie Glorie e Tifosi. Ex giocatori e tifosi in campo contemporaneamente, su un terreno che fa sognare e che viene delimitato come da tradizione da un bordo campo fatto di tifosi. Tutti insieme, il modo migliore per trascorrere questa giornata come sottolineato anche da don Aldo Rabino: «Questo deve essere un bel nuovo punto d’inizio per tutti noi, adesso che sembriamo di nuovo tutti uniti dobbiamo fare in modo di restare sempre così». Sulla stessa lunghezza d’onda anche un altro granata doc come Oskar degli Statuto: «Una bella giornata, c’è di nuovo tanto entusiasmo e si vede. Ma il 4 maggio è un po’ come il nostro Natale, dovrebbe essere sempre così, dovremmo essere tutti insieme in questa giornata. I risultati o la gestione societaria dovrebbe influire tutti gli altri giorni, ma non su questo. Poi suonare qui al Fila davanti alla nostra gente è sempre un’emozione particolare».
300 SORRISI Il modo di iniziare la giornata è stato poi il migliore di tutti. Oltre trecento bambini hanno infatti ridato vita al terreno di gioco del Fila giocando senza sosta e senza altro scopo se non quello di divertirsi inseguendo un pallone. Un’autentica festa, come sottolineato da Davide Cravero, responsabile dei Piccoli Amici del Toro: «Abbiamo appena concluso un percorso che ci ha visto raccontare la storia granata a tutti i nostri bambini, un cammino che non poteva che concludersi in questa maniera. Vedere il Fila così pieno e vivo è una grande emozione, oltre trecento bambini che giocano a pallone senza pensare ad altro su questo campo è il modo migliore per ricordare il Grande Torino». Tra centinaia di torelli anche venti bimbi con la maglia del Varese di Marco Caccianiga: «Per noi è un onore e una gioia essere qui, il nostro stadio è dedicato a Franco Ossola e più in generale la nostra Scuola Calcio ha imparato tutto dal metodo di quella del Toro e possiamo definirci con gioia dei loro figliocci. E i nostri bambini hanno capito con grande entusiasmo l’importanza del giocare al Filadelfia il 4 maggio». Emozionato anche Silvano Benedetti, responsabile della Scuola Calcio granata ed ex ragazzo del Fila: «Ho vissuto il Filadelfia da giocatore per quasi dieci anni, basta chiudere un attimo gli occhi per rivivere ricordi e provare emozioni fortissime. Vedere i nostri bambini giocare e divertirsi qui poi non può che rappresentare una gioia immensa». A far da cornice a centinaia di bambini in divisa c’è poi stato un autentico mare granata composto da migliaia di gocce tutte uguali e diverse: anziani che sognano e raccontano il Fila di una volta, nuove famiglie e giovanissimi tifosi granata che sognano il Fila che verrà. Sapendo di poter dire che anche questo 4 maggio è stato un giorno da raccontare.
__________

05/05/14 - Ma quanti insulti col sindaco

TORINO. (n.bal.) Però, c’è un però. Per la precisione, quando è arrivato il turno di Piero Fassino. Ospite non troppo gradito da una fetta della tifoseria presente, Fassino è stato interrotto a più riprese al grido di “Gobbo di m...”, riuscendo a concludere poco più che una frase: «51 anni fa si è disputata l’ultima partita, l’importante è sapere che si tornerà a giocare qui. Il sindaco sarà anche come dite voi qua davanti un gobbo di merda ma è quello che ricostruisce il Filadelfia». Nel frattempo un tifoso “esuberante” era riuscito a salire sul palco mettendo fine all’intervento del sindaco, costretto così a prendere la via d’uscita tra gli insulti. Diffuso in serata un comunicato da parte della Fondazione Stadio Filadelfia che «ringrazia Fassino». Ma è giallo su una notizia apparsa in rete, secondo la quale il sindaco avrebbe rivolto un brutto gesto ai tifosi: notizia smentita dal sindaco stesso.
__________
 
La Stampa
Al Filadelfia Fassino cacciato dal palco
I tifosi non lasciano parlare il sindaco. Una macchia per la festa del popolo granata chiusa in serata a Superga
 
ivana crocifissso
torino
La giornata della Memoria ha rischiato di essere sporcata in maniera indelebile dalla contestazione, al Filadelfia, del sindaco di Torino, Piero Fassino. Salito sul palco, invitato dal presentatore Marco Berry (noto tifoso granata), un coro forte e greve nei contenuti si era levato all’indirizzo del primo cittadino. La colpa del sindaco, l’ essere di fede calcistica juventina. «Da 51 anni non si gioca una partita qui. La cosa positiva è che si tornerà a farlo a breve», ha esordito Fassino prima che un tifoso dal tasso alcolico molto elevato salisse sul palco e a torso nudo ripetessi insulti e improperi. Fischi, ululati,e tanti “gobbo”, hanno indotto il sindaco a rispondere a tono: «Il sindaco sarà anche gobbo, come dite voi qui davanti, ma vi ricostruisce il Filadelfia».  
Il gestaccio smentito  
C’è anche chi racconta che Fassino stressato dagli insulti abbia rivolto un gestaccio ai contestatori, ma il sindaco stesso smentisce l’episodio. Il clima di crescente incandescenza ha poi consigliato i cordoni di sicurezza a fare scudo attorno al sindaco e accompagnarlo verso l’uscita insieme all’assessore allo Sport, Stefano Gallo, presente al campo per spiegare ai tifosi il progetto di ricostruzione dell’impianto. Spiegazione che è rimasta inevasa. 
 Serpentone umano  
Clima completamente differente a Superga. Una folla immensa e festante ha atteso nel piazzale della Basilica il Toro al rientro da Verona. C’è chi ha atteso per ore i granata, come Giulia, arrivata con marito e figli da Genova e salita direttamente al Colle, all’ora di pranzo. «Da vent’anni non ho mai perso una funzione. Abbiamo deciso di rinunciare alla partita e di commemorare gli Invincibili qui, oggi, come sempre». 
C’è chi, complice la chiusura della strada per Superga ha deciso di abbandonare l’auto e affrontare il percorso a piedi. Terminati i biglietti della Dentera (aperta eccezionalmente fino alle 22.30), molti non si sono arresi e hanno camminato per una mezz’oretta buona.. Come un gruppo di ragazzi e ragazze, giunti in cima giusto in tempo per salutare il pullman del Toro: «Non pensavo che sarei riuscita ad arrivare in cima ancora in forze – commenta Chiara, 23 anni – ma ne è valsa veramente la pena. Quell’applauso, il coro su Amsterdam, tutte emozioni nuove dopo anni di sfortuna. Quello che i miei genitori mi hanno sempre raccontato ora lo sto vivendo». Superga e non Verona, come mai? «Perché quello che ti dà questo momento non è paragonabile», continua Andrea. Per la prima volta un capitano straniero ha letto i nomi dei 31 caduti. «Mi ha stupito- ha commentato Cesare, 48 anni- si vede che si è preparato, aveva ragione a dirlo Don Aldo».  
 
__________
 
Fassino alza il dito medio al Filadelfia
Video smentisce la difesa del sindaco “Mi hanno accolto tirandomi pietre”
 
Il primo cittadino ieri aveva dichiarato di non aver fatto alcun gesto: “Ma figuriamoci”. Oggi su You Tube sono comparse le immagini esaurienti.
 
 
Il sindaco Piero Fassino alza il dito medio ai tifosi granata al Filadelfia (il video è stato postato su You Tube da Vittorio Bertola, del Movimento 5 Stelle
 
marco accossato
torino
Il sindaco Piero Fassino ha alzato il dito medio ai tifosi che ieri lo hanno contestato al Filadelfia durante la giornata di festa in memoria del Grande Torino («Gobbo di m...»). Quando in serata la notizia del gesto aveva iniziato a circolare, Fassino e il suo staff avevano categoricamente smentito di aver fatto una cosa simile. Anche in un’intervista a La Stampa, il primo cittadino ha sostenuto: «Ma figuriamoci. Ho fatto una battuta rivolto a chi urlava dicendomi gobbo di m.... Ho detto: “Sarò anche gobbo, ma il gobbo è quel sindaco che ricostruisce lo stadio Filadelfia”».  
 
Invece, oggi, un video diffuso su You Tube dal consigliere del Movimento 5 Stelle Vittorio Bertola dimostra la smentita alla smentita. Fassino - sotto il palco, bersaglio di cori - ha alzato due volte il dito medio ai granata. A questo punto la tensione e i cori contro il sindaco sino cresciuti. Nel video - che riproduce anche al rallentatore il gesto - si sente poi una donna, tifosa granata, dire: “Non sono arrivata alla mia età per farmi fare il dito medio dal sindaco”. Altre grida arrivano dallo stadio: “Vergognatevi”, e poi: “Ci sono i bambini....”. A questo punto il sindaco è stato costretto a lasciare lo stadio. E ai cori diventati ancora più duri contro il sindaco, Fassino risponde salutando con una mano. Le immagini riprendono infine la Delta scura che si allontana rapidamente. 
 
Oggi, attraverso un comunicato, il sindaco spiega: «Un ristretto gruppo di ultras ha ritenuto di aggredirmi e insultare me e la mia famiglia preventivamente, persino con lancio di pietre, cosa che ha provocato una mia istintiva e umana reazione, di cui naturalmente mi rammarico». Secondo Fassino, «comportamenti intimidatori non sono tollerabili. E comunque la mia reazione non era certo rivolta ai veri tifosi». Aggiunge: «Ho voluto essere presente al Filadelfia su esplicito invito del presidente della Fondazione Filadelfia e l’ho fatto ben volentieri perché consapevole di quanto il Torino sia parte integrante della storia della Città. Un gesto peraltro apprezzato da molti presenti, tra cui storici cuori granata come Giampaolo Ormezzano e Gian Carlo Bonetto». Il sindaco , nella nota diffusa, non spiega perché domenica ha negato categoricamente di aver alzato il dito medio, ma conclude: «Questi episodi non devono farci dimenticare che la giornata di ieri era dedicata alla commemorazione del Grande Torino e all’avvio finalmente della ricostruzione del Filadelfia, di cui questa Amministrazione e il Torino FC, dopo tanti anni, sono primi protagonisti. Sono questi i valori che contano mentre - ribadisce - non sono in alcun modo tollerabili comportamenti intimidatori e aggressivi, terreni di coltura di violenze che, come si è visto a Roma, portano a tragedie». 
 
 
Vittorio Vb Bertola
5 maggio alle ore 7.47
 
Fassino ha pure smentito a mezzo stampa di aver mai fatto il dito medio ai tifosi del Fila. Per fortuna ero lì a riprendere... 
 

 
https://www.facebook.com/groups/rivogliamolostadiofiladelfia/permalink/10151982653522396/
__________
 
05 maggio 2014
Filadelfia, il luogo sacro granata
 
di MAURIZIO CROSETTI
TORINO - Il luogo in cui il sindaco Piero Fassino si è reso protagonista di una prodezza degna di un ultrà, lui e il suo dito medio alzato, è una specie di luogo sacro e non solo per il tifo granata. Anzi, ormai è un "non luogo": raso quasi totalmente al suolo, in attesa di una ricostruzione che non arriva mai, teatro di gesti antichi, memorie, parecchia rabbia e rimpianti. Su quel prato si allenava, giocava e vinceva il Grande Torino: nei momenti topici delle partite, un tizio con la tromba (passò infatti alla storia come "il trombettiere del Filadelfia") suonava la carica, Valentino Mazzola si rimboccava le maniche e il risultato diventava una formalità.
Il Filadelfia si trova in una parte di Torino quasi periferica, forse oggi non più, ma sessant'anni fa sì. Non lontano dalla Fiat Mirafiori e dallo stadio Comunale, circondato da case rosse, là dove Torino sembra Liverpool, il "Fila"  -  come lo chiamano da sempre, con affetto, i tifosi granata  -  non solo vide le imprese dei caduti di Superga. Lì si sono allenate generazioni intere di calciatori, a strettissimo contatto con la prima squadra: i giovani condividevano i corridoi con i campioni, li potevano sfiorare, forse adorare come divinità però quotidiane, casalinghe, a portata di mano e di esempio. Anche il Toro di Pulici e Graziani si allenava lì. Nel piazzale di fronte al campo, ai piedi delle gradinate di mattoni con ancora dipinte le scritte bianche per "militari" o "balilla", molti anziani tifosi trascorrevano le giornate come se il Filadelfia fosse un circolo ricreativo, o una bocciofila, e in fondo era così. Mancavano solo le zucchine in carpione.
Lì si proteggeva e si tramandava la memoria, compresa quella degli avversari più degni, magari persino qualche "rigadìn", qualche juventino: quelli, appunto, con la maglia a righine, in seguito gobbi. Più che uno stadio, un trattato di epica: come sfogliare l'Odissea mentre Omero la stava scrivendo. Quando, un bruttissimo giorno, il Torino allora governato da Calleri e il Comune decisero di abbattere quella specie di tempio, il popolo granata andò in pellegrinaggio come per accompagnare un capretto al macello. E nessuno, quella sera, tornò a casa senza almeno una scheggia di cemento, senza un pezzo di mattone da conservare come una reliquia. E non era feticismo. Era amore.
 
5 maggio 2014
Fassino contestato al Filadelfia: dito medio ai tifosi
Così il sindaco di Torino, Piero Fassino, ha "concluso" la sua visita ai tifosi del Torino che commemoravano l'anniversario della tragedia di Superga nel rudere del loro storico stadio, il "Filadelfia", da anni in attesa della ricostruzione. Dopo gli insulti mentre era sul palco, continuati quando è sceso, il sindaco ha rivolto il gestaccio alla folla, accendendo ancora di più gli animi. Poi si è allontanato. In serata ha smentito il gestaccio ma il video, pubblicato dal consigliere comunale 5 Stelle Vittorio Bertola, non lascia dubbi

VIDEO
 
 
 
 
 
__________
 
Salvadori: " 4 maggio incrinato da una ristretta minoranza "  
Lunedì, 05 Maggio 2014 21:52 
Scritto da  Redazione Toro News
 
Il presidente della Fondazione Stadio Filadelfia: ''Auspico che la vicenda sia da considerare un fatto isolato'' E' doloroso registrare che l'appassionata partecipazione della cittadinanza alla giornata del 4 maggio al Campo Filadelfia sia stata incrinata da una ristretta minoranza di spettatori che ha impedito con atteggiamenti violenti al Sindaco, Piero Fassino, di esprimere il sostegno della Città al progetto di ricostruzione dello Stadio Filadelfia, costringendo quindi l'organizzazione a rinunciare ad altri successivi interventi. Mi associo personalmente al comunicato stampa emesso ieri in tarda serata dalla Fondazione per stigmatizzare un atteggiamento non riconducibile ad un sano campanilismo cittadino ma che trova radici nella insofferenza verso le istituzioni.
Auspico che la vicenda sia da considerare un fatto isolato e che si instauri una stretta collaborazione tra istituzioni, tifoseria e società granata per conseguire il comune obiettivo della ricostruzione della Casa del Toro, reprimendo con la dovuta fermezza le situazioni di inutile antagonismo che non fanno altro che nuocere alla Città, ai veri tifosi e in ultima analisi a tutto il movimento sportivo.
Cesare Salvadori
Presidente Fondazione Stadio Filadelfia
 
__________
 
Gallo: " Azioni non degne del ricordo del Grande Torino "  
Lunedì, 05 Maggio 2014 21:51 
Scritto da  Redazione Toro News
 
Riceviamo e pubblichiamo / L’assessore sulle contestazioni al Filadelfia: ''Prevaricazioni inaccettabili''
“Ieri, dopo tanti anni, nell’occasione della presentazione del progetto della Fondazione Filadelfia per la Riqualificazione dell’Impianto Filadelfia, un ristretto gruppo di ultras ha ritenuto di aggredire il Sindaco Piero Fassino, insultandolo. Quelle vissute ieri sul palco del vecchio stadio Filadelfia non sono azione degne del ricordo del Grande Torino”. “E’ inaccettabile qualunque tipo di prevaricazione che impedisca il civile confronto delle posizioni. A maggior ragione è inaccettabile una condotta violenta pregiudiziale verso un’Amministrazione e il suo Sindaco che sull’annosa vicenda dello stadio Filadelfia ha dimostrato e sta dimostrando un impegno di totale concretezza!. “Esprimo, per questo, il mio sostegno al Sindaco Piero Fassino di fronte ad atti intimidatori che nulla hanno a che vedere con il tifo ed il ricordo per una grande squadra come il Grande Torino”.
 

Braccialarghe: "Le contestazioni del Filadelfia un segnale allarmante"  Lunedì, 05 Maggio 2014 21:50 
Scritto da  Redazione Toro News

 
Riceviamo e pubblichiamo / ''Un fenomeno preoccupante, un segnale di intolleranza''
“Credo sia opportuna una valutazione in merito agli episodi di violenta contestazione nei confronti del Sindaco Fassino avvenuto ieri al Filadelfia per farci riflettere sui tempi che stiamo vivendo. Ormai, in diverse circostanze, si tende a realizzare, su qualsiasi questione, una pura logica di appartenenza che a prescindere dai contenuti tende a dividersi in sostenitori di questa o di quella strada senza avvertire più il desiderio di un reale confronto di merito. Lo spazio per il dibattito, la contrapposizione civile tra tesi opposte, è sostituita dall’aggressione, spesso anche fisica, ad opera di chi ritiene di detenere una verità indiscutibile”. “È questo un fenomeno preoccupante che invade sempre più le nostre piazze e si esprime negli atti collettivi spesso manipolati da un ristretto numero di oppositori su tutto e a qualunque costo. L’occasione per guadagnare la cronaca, elevando la contestazione e lo scontro, non sa distinguere tra una fiaccolata in ricordo del 25 aprile, una manifestazione sul primo maggio o una ricorrenza sportiva. Questo è oggi un problema di carattere socio-culturale che non può essere sottovalutato soprattutto in una città come Torino dove dal civile confronto tra le diverse opinioni spesso sono nati i valori fondanti del nostro Paese”.

http://www.toronews.net/index.php/mondogranata/40518/braccialarghe-le-contestazioni-del-filadelfia-un-segnale-allarmante
__________

Fassino: "No alle intimidazioni sul Filadelfia. La Città va avanti"
 Lunedì, 05 Maggio 2014 13:36 
Scritto da  Redazione Toro News

 
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato della Città di Torino: ''Questi episodi non devono farci dimenticare che la giornata di ieri era dedicata alla commemorazione del Grande Torino''
Ho voluto ieri essere presente al Filadelfia su esplicito invito del Presidente della Fondazione Filadelfia e l’ho fatto ben volentieri perché consapevole di quanto il Torino sia parte integrante della storia della Città. Un gesto peraltro apprezzato da molti presenti, tra cui storici cuori granata come Giampaolo Ormezzano e Gian Carlo Bonetto . 
Un ristretto gruppo di ultras ha invece ritenuto di aggredirmi e insultare me e la mia famiglia preventivamente, persino con lancio di pietre, cosa che ha provocato una mia istintiva e umana reazione, di cui naturalmente mi rammarico. So bene peraltro che quelle violente intemperanze non corrispondono ai sentimenti dei tantissimi tifosi che manifestano la loro fede granata con passione e generosità e verso i quali ho sempre avuto e ho il massimo rispetto. E qualunque mia reazione all’accerchiamento non era certamente rivolta a nessuno di questi veri tifosi. Per rispetto a loro e alla loro storia, al valore della giornata del 4 maggio ero lì e vi sono rimasto nonostante la violenta intimidazione.
Questi episodi non devono farci dimenticare che la giornata di ieri era dedicata alla commemorazione del Grande Torino e all’avvio, finalmente della ricostruzione del Filadelfia, di cui questa Amministrazione e il Torino FC, dopo tanti anni, sono primi protagonisti. Sono questi i valori che contano, mentre non sono in alcun modo tollerabili comportamenti intimidatori e aggressivi, terreni di coltura di violenze che - come si è visto a Roma - portano a tragedie.

http://www.toronews.net/index.php/tn-out-news/40504/fassino-no-alle-intimidazioni-sul-filadelfia-la-citta-va-avanti
__________

Oggi Fassino ha il naso più lungo. Un video incastra il suo gesto poco educato
05.05.2014 14:22 di Marina Beccuti  
Tutto perfetto nella giornata della memoria granata ma, come succede in ogni evento, esiste anche il suo lato oscuro, il cosiddetto the dark side of the moon. Nel qual caso ha un nome ed una carica assai importante, Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente dell'Anci. Noto tifoso juventino ma che si è prodigato per far sì che il Filadelfia potesse rinascere, a detta sua. Infatti ieri, in piena campagna elettorale per le Regionali, nonchè elezioni europee, si è presentato al Filadelfia per parlare dell'imminente ricostruzione del vecchio stadio. Siccome i tifosi del Torino non hanno il cosiddetto anello al naso, l'hanno fischiato, non tutti s'intende, una parte, nemmeno la maggioranza, ma questo è servito a far infervorare il malcapitato primo cittadino torinese, che si è sentito probabilmente ferito per aver messo mano al portafoglio per elargire il primo milione di euro per il progetto dei tre previsti, e poi prendersi anche gli improperi. Così, colto da sindrome di cattiva pubblicità in vista delle prossime ed imminenti elezioni, dove si presenta il suo predecessore Sergio Chiamparino (lui sì tifoso granata oltre che amico dei poteri forti cittadini), ha fatto il gesto dell'indice alzato ai presenti. Un sito web (Toro.it) ha scritto del suo gesto, fatto che Fassino ha subito smentito. Ma è stato subito smascherato da un video fatto dal consigliere comunale del M5S, Vittorio Bertola, lui sì genuino tifoso del Toro, mandato in onda nel primo pomeriggio dal Tg3 Piemonte. Che figura signor Sindaco, pazienza il gesto deprecabile e maleducato (al cospetto di gente che paga le tasse, tra l'altro), ma la smentita di un fatto comprovato proprio non regge. Nel caso c'è solo una parola di commento: vergogna. Per aver mentito sulla sua presunta love story con Monica Lewinsky, Clinton fu costretto a lasciare la sua carica di Presidente Usa. Al sindaco di Torino si potrebbero chiedere le dimissioni. Non c'è che dire, sì Fassino è proprio juventino!

http://www.torinogranata.it/mondo-e-storia-granata/oggi-fassino-ha-il-naso-pia-lungo-un-video-incastra-il-suo-gesto-poco-educato-45733
__________

Il Comune di Torino fa quadrato su Fassino. Le dichiarazioni di Braccialarghe e dell'Assessore Gallo
Emessi dall'Ufficio Stampa del Comune di Torino le dichiarazioni dei due politici locali.
05.05.2014 19:52 di Marina Beccuti

L'Assessore alla Cultura della città di Torino, Maurizio Braccialarghe, ha rilasciato queste dichiarazioni in difesa del Sindaco Piero Fassino: “Credo sia opportuna una valutazione in merito agli episodi di violenta contestazione nei confronti del Sindaco Fassino avvenuto ieri al Filadelfia per farci riflettere sui tempi che stiamo vivendo. Ormai, in diverse circostanze, si tende a realizzare, su qualsiasi questione, una pura logica di appartenenza che a prescindere dai contenuti tende a dividersi in sostenitori di questa o di quella strada senza avvertire più il desiderio di un reale confronto di merito. Lo spazio per il dibattito, la contrapposizione civile tra tesi opposte, è sostituita dall’aggressione, spesso anche fisica, ad opera di chi ritiene di detenere una verità indiscutibile.
 “È questo un fenomeno preoccupante che invade sempre più le nostre piazze e si esprime negli atti collettivi spesso manipolati da un ristretto numero di oppositori su tutto e a qualunque costo. L’occasione per guadagnare la cronaca, elevando la contestazione e lo scontro, non sa distinguere tra una fiaccolata in ricordo del 25 aprile, una manifestazione sul primo maggio o una ricorrenza sportiva. Questo è oggi un problema di carattere socio-culturale che non può essere sottovalutato soprattutto in una città come Torino dove dal civile confronto tra le diverse opinioni spesso sono nati i valori fondanti del nostro Paese”.
A seguire sono arrivate le dichiarazioni dell'Assessore allo Sport Stefano Gallo: “Ieri, dopo tanti anni, nell’occasione della presentazione del progetto della Fondazione Filadelfia per la Riqualificazione dell’Impianto Filadelfia, un ristretto gruppo di ultras ha ritenuto di aggredire il Sindaco Piero Fassino, insultandolo.
Quelle vissute ieri sul palco del vecchio stadio Filadelfia non sono azione degne del ricordo del Grande Torino”.

"E’ inaccettabile qualunque tipo di prevaricazione che impedisca il civile confronto delle posizioni. A maggior ragione è inaccettabile una condotta violenta pregiudiziale verso un’Amministrazione e il suo Sindaco che sull’annosa vicenda dello stadio Filadelfia  ha dimostrato e sta dimostrando un impegno di totale concretezza!.

 “Esprimo, per questo, il mio sostegno al Sindaco Piero Fassino di fronte ad atti intimidatori che nulla hanno a che vedere con il tifo ed il ricordo per una grande squadra come il Grande Torino”.
http://www.torinogranata.it/notizie/il-comune-di-torino-fa-quadrato-su-fassino-le-dichiarazioni-di-braccialarghe-e-dell-assessore-gallo-45739

 __________


 Gian Luca Vignale
5 maggio alle ore 17.02


GRAVE GESTO DEL SINDACO FASSINO. DA OGGI IN RETE LA PROTESTA DEI POLLICI VERSI
 Il gesto - e ancor peggio la successiva smentita - di ieri del sindaco Fassino ai tifosi del Toro è una grave offesa non solo per i tifosi granata ma anche per tutti i cittadini.
 Con il suo dito medio, Fassino ha infatti insultato tutti i piemontesi e ha profanato un luogo sacro che come sindaco ha il dovere di rispettare.
 Nessuna comprensione: anche di fronte alle contestazioni, chi rappresenta i cittadini non può infatti permettersi di rispondere con l’offesa e la maleducazione.
 La migliore risposta al dito medio è il pollice abbassato. Per questo motivo da oggi in rete metteremo in rete la protesta del ?#?polliceverso?: chi si sente offeso dall’atteggiamento del sindaco di Torino potrà manifestare il proprio sdegno condividendo sui canali social un proprio ritratto con il pollice all’in giù.


https://www.facebook.com/groups/rivogliamolostadiofiladelfia/permalink/10151983219682396/